Nella notte di Natale…

Natu già lu gran Missia,
misi a chianciri e ngusciari
e la Virgini Maria
misi ancora a lagrimari.
Lu pigghiau cu summu affettu
e lu strinci a lu so pettu.

San Giuseppi si risbighia
già di l’estasi profundi,
E cu duci maravigghia
si stupisci e si cunfundi:
curri prestu spavintatu
e a Gesuzzu vidi natu.

Oh pinzati chi cuntentu
chi grannissima alligrizza,
si scurdau di lu so stentu
pri la summa cuntintizza,
e cu tantu so piaceri
accussì si misi a diri:

“Chi furtuna fu la mia!
Oh c’unuri ch’appi iu
d’adurari cu Maria
a stu locu lu miu Diu!
Matri santa e mia signura
iu vi fazzu la bon’ura.

O chi figghiu aviti fattu,
o, chi bedda Criatura!
Quanto è beddu, vagu, e intattu,
la sua facci m’innamura.
Chi su amabili sti cigghia
a la matri cci assumigghia.

O ch’ucchiuzzi sapuriti!
Chi linguzza ncantatedda!
Veramenti beddu siti,
la pirsuna tutta è bedda.
Tu si beddu, figghiu miu,
ma cchiù beddu cha si Diu.”

[Tratto da “U Viaggiu dulurusu di Maria Santissima e lu Patriarca san Giuseppi in Betlemi” Novena popolare siciliana – XVIII sec.]

Advertisements

2 comments

    • E’ una novena antichissima di cui esistono varie versioni del testo, e originaria della Sicilia centro-occidentale. Credo che la musica esista, perchè ho trovato vari post su itnernet in cui si parlava di rappresentazioni di questo testo, qualche anno fa, a Montelepre e a Vallelunga Pratameno. Se le interessa potrebbe contattare proloco o associazioni locali di questi paesi. Cordiali saluti 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...